Ocri ed indici non bastano a rivelare la crisi

NexumStp S.p.A.

di NexumStp S.p.A.

Un’alleanza fra persone che dà vita a una promessa condivisa, a un impegno leale e trasparente, fonte di crescita ed evoluzione reciproche.

info@en.nexumstp.it

 LATEST NEWS

 

Il sistema di allerta del Codice della Crisi d’Impresa non può essere sintetizzato prendendo solo in considerazione gli indici e l’Ocri, ma va valutato nel suo insieme.

Sebbene l’organismo di controllo e gli indici siano due pilastri fondamentali dell’intera norma, da soli non sono sufficienti per determinare tempestivamente lo stato di crisi aziendale ma devono essere integrati con l’istituzione di un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato.

Il reale stato di crisi infatti deve essere prima di tutto segnalato dai fondati indizi che gli organi di controllo societari (articolo 14 del Codice della Crisi d’Impresa) sono obbligati a monitorare e che sono tutt’altra cosa rispetto agli indici. Limitarsi quindi ad intercettare la crisi solo attraverso gli indici significa non avere colto le potenzialità della riforma.

Inoltre, l’attesa per attivare la segnalazione interna, l’emersione degli indici (comma 2 art. 13) o la violazione dei tempi di pagamento segnalati nell’articolo 24 del Codice della Crisi d’Impresa, pregiudicherebbe la possibilità di accesso alle misure premiali nel caso si faccia ricorso alla composizione assistita dell’Ocri.

 

Fondati indizi: come riconoscerli?

Con questi presupposti è necessario quindi che le imprese sviluppino degli adeguati sistemi di controllo per intercettare i fondati indizi anticipando l’emersione degli indici di crisi.

Ma come riconoscere gli indizi e la loro fondatezza? Come distinguere tra una situazione di crisi rilevante ai fini segnaletici da una che non lo è?


Lo si ricava dal portato del comma 1 dell’articolo 13
e cioè dal pregiudizio alla sostenibilità del debito nei successivi sei mesi e dalla presenza di ritardi reiterati e significativi (ritardi che pregiudicano la fluidità degli approvvigionamenti o il merito di credito dell’impresa o il beneficio del termine).

 Invero, il comma 1 considera anche il venir meno della continuità aziendale, ancorché occorra in concreto distinguere perché non sempre da esso dipende uno stato di crisi nei termini di cui all’articolo 2 del Codice della crisi (probabilità d’insolvenza ed insostenibilità del debito prospettico). Tutto ciò è possibile solo se vengono istituiti flussi completi, affidabili ed appropriati a rendere in continuo (trimestralmente) adeguata informativa sull’andamento aziendale, sull’equilibrio finanziario, sulla sostenibilità del debito, sulla continuità aziendale e sull’assenza di ritardi reiterati e significativi.

Un cambio di rotta quindi che obbliga i professionisti ad analizzare i dati in maniera prospettica, provando ad “anticipare” gli scenari futuri.

Giudizio positivo per le nuove norme

Il nuovo quadro normativo che coinvolge professionisti, imprese, banche e creditori pubblici è ben strutturato ma necessita che tutti facciano la loro parte e svolgano il proprio ruolo con responsabilità.
Il codice nasce con lo scopo di contente i tassi di crescita dei crediti deteriorati rendendo l’accesso al credito più agevole e migliorando la fiducia delle imprese, che si tradurrà in un miglioramento del Pil.

Non ha senso quindi la richiesta di una proroga o di una introduzione graduale se non per le piccole imprese così da consentire all’Ocri di adottare protocolli efficaci prima di confrontarsi con le realtà meno strutturate che avranno sicuramente più difficoltà in questa prima fase.

Solo il tempo potrà dirci se l’Ocri sarà in grado di gestire in maniera adeguata la fase di allerta dimostrando di essere uno strumento utile all’imprenditore e a tutti gli attori coinvolti.

 

Vuoi sapere di più sugli adeguamenti del Codice della Crisi d’Impresa? 

Contatta un consulente NexumStp
NexumStp S.p.A.

di NexumStp S.p.A.

Un’alleanza fra persone che dà vita a una promessa condivisa, a un impegno leale e trasparente, fonte di crescita ed evoluzione reciproche.

info@en.nexumstp.it

 LATEST NEWS

Lascia un messaggio.

Compila il form per farci conoscere le tue esigenze e per chiedere dettagli sui nostri servizi.

Saremo felici di ricontattarti nel più breve tempo possibile.

News

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.