Bonus affitti: dall’UE arriva l’ok all’utilizzo del credito di imposta

NexumStp S.p.A.

di NexumStp S.p.A.

Un’alleanza fra persone che dà vita a una promessa condivisa, a un impegno leale e trasparente, fonte di crescita ed evoluzione reciproche.

info@en.nexumstp.it

 LATEST NEWS

NexumStp S.p.A. - Il Sole 24Ore

Con l’autorizzazione della Commissione Europea n. C2020 7595 final del 28 ottobre 2020, sono diventate efficaci le modifiche al credito d’imposta sui canoni di locazione di immobili ad uso non abitativo, di cui all’art. 28 del DL 34/2020, apportate dal DL 104/2020 convertito (c.d. decreto “Agosto”).

Il DL numero 104 del 2020 ha ampliato il credito di imposta del 60% riconosciuto alle partite IVA per i canoni di locazione di immobili a uso non abitativo previsto dall’articolo 28 del Decreto Rilancio su diversi fronti:

  • Il credito d’imposta, inizialmente previsto solo per i mesi marzo, aprile e maggio, è stato esteso anche per il mese di giugno (ed al mese di luglio 2020 per le strutture turistico ricettive con attività solo stagionale);
  • È stato superato il limite previsto di 5 milioni di ricavi o compensi per periodo d’imposte precedente anche per le strutture termali
  • Per le imprese turistico ricettive il credito è stato esteso fino al 31/12/2020
  • Infine, in caso di affitto d’azienda per le strutture turistico-ricettive, l’importo del credito è aumentato al 50%, con la precisazione che “nel caso in cui per la stessa struttura turistico-ricettiva siano stipulati due contratti separati, uno relativo alla locazione dell’immobile e uno relativo all’affitto d’azienda, il credito d’imposta spetta per entrambi i contratti”.

In particolare, nell’interrogazione parlamentare n. 5-05003 presentata il 17 novembre scorso, veniva rilevato come, da un lato:

  • a norma dell’art.  77 comma 3 del 104/2020, l’utilizzo del credito fosse subordinato all’autorizzazione della Commissione europea;
  • dall’altro, sia l’ 28 del DL 34/2020 (che aveva originariamente introdotto tale credito d’imposta), che l’art. 8 del DL 137/2020 (che lo ha recentemente ulteriormente esteso) “autorizzano la misura nel rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalla comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020″

Come sottolineato dall’Agenzia delle Entrate, il via libera dell’Unione Europea non è un semplice passaggio burocratico ma la chiave per accedere alle novità introdotte.

Questo aspetto, infatti,  era stato già ribadito sia attraverso la risposta n. 440 del 5 ottobre scorso, sia nella recente risposta ad interpello n. 509, del 2 novembre 2020, ove la stessa aveva affermato “al riguardo, si rappresenta che le modifiche apportate al credito d’imposta dal decreto legge n. 104 del 2020 saranno efficaci solo a seguito dell’autorizzazione della Commissione europea sugli aiuti di stato“.

In conclusione, si ritiene che attraverso il via libera della Commissione Europea, si possono confermare le novità introdotte, garantendo l’efficacia, per le strutture turistico ricettive, dell’estensione fino al 31 dicembre 2020, ed infine la possibilità di utilizzo del credito, relativo al mese di giugno, in compensazione F24 già a partire da questo mese.

NexumStp S.p.A.

di NexumStp S.p.A.

Un’alleanza fra persone che dà vita a una promessa condivisa, a un impegno leale e trasparente, fonte di crescita ed evoluzione reciproche.

info@en.nexumstp.it

 LATEST NEWS

Lascia un messaggio.

Compila il form per farci conoscere le tue esigenze e per chiedere dettagli sui nostri servizi.

Saremo felici di ricontattarti nel più breve tempo possibile.

News

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.