DPCM 9 Marzo 2020: le misure rilevanti in materia di lavoro

NexumStp S.p.A.

di NexumStp S.p.A.

Un’alleanza fra persone che dà vita a una promessa condivisa, a un impegno leale e trasparente, fonte di crescita ed evoluzione reciproche.

info@en.nexumstp.it

 LATEST NEWS

NexumStp S.p.A. - Il Sole 24Ore

Il Consiglio dei Ministri ha pubblicato il D.P.C.M. 9 marzo 2020, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da  COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale.

Materia Lavoro: cosa dice il decreto?

  • il DPCM raccomanda alle aziende di fare ricorso a congedi e ferie
  • adottare in tutti i casi possibili nello svolgimento di riunioni, modalità di collegamento da remoto. In ogni caso deve essere garantito il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro e devono essere evitati assembramenti
  • smart working semplificato: tale modalità lavorativa può essere applicata, per la durata dello stato di emergenza, ad ogni rapporto di lavoro subordinato, nel rispetto delle disposizioni applicabili e dell’informativa in materia di sicurezza sul lavoro ma anche in assenza di accordi individuali. Per il ricorso allo smart working è necessario effettuare una specifica comunicazione sul portale dedicato del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
  • certificazione medica per i lavoratori in quarantena: in caso di necessità di certificazione ai fini INPS  per l’assenza dal lavoro, si  procede a rilasciare una  dichiarazione indirizzata all’INPS, al datore di lavoro e al medico di medicina generale o al pediatra di libera scelta in cui si dichiara che per motivi di  sanità pubblica è stato posto in quarantena, specificandone la data di inizio e fine

Esclusioni ed eccezioni

L’indicazione è quella di restare il più possibile a casa ma sono presenti alcune eccezioni:

  • comprovate esigenze lavorative
    (es: andare e tornare dal proprio ufficio, qualora il proprio datore di lavoro non abbia predisposto sistemi di smart working)
  • situazioni di necessità
    (es: per fare la spesa alimentare, possibilmente in prossimità del domicilio)
  • spostamenti per motivi di salute
  • rientro presso il proprio domicilio, abitazione e residenza fermo restando il rispetto delle disposizioni regionali di permanenza presso il proprio domicilio
    (es: un cittadino domiciliato a Milano può far ritorno nella località dove mantiene la residenza, ovviamente se le due sedi non coincidono).

Le eccezioni, in caso di controllo da parte delle forze di polizia, dovranno essere attestate mediante auto dichiarazione, che potrà essere resa anche al momento attraverso la compilazione di moduli forniti dalle pattuglie e dagli agenti preposti al controllo.

Resta inteso che le autorità potranno verificare se quanto dichiarato corrisponda realmente ad una delle quattro casistiche previste ed in caso di violazione si incorre nel reato previsto dall’articolo 650 del codice penale (inosservanza di un provvedimento di un’autorità), salvo che il fatto costituisca più grave reato.

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 9 Marzo 2020
NexumStp S.p.A.

di NexumStp S.p.A.

Un’alleanza fra persone che dà vita a una promessa condivisa, a un impegno leale e trasparente, fonte di crescita ed evoluzione reciproche.

info@en.nexumstp.it

 LATEST NEWS

Lascia un messaggio.

Compila il form per farci conoscere le tue esigenze e per chiedere dettagli sui nostri servizi.

Saremo felici di ricontattarti nel più breve tempo possibile.

News

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.